Visto Eritrea

by Peo / 29 settembre 2013 / No Comments

Elenchiamo di seguito la documentazione necessaria per ottenere il visto Eritrea:

Da sapere:
  • il sistema consolare eritreo in Italia opera per competenza territoriale, di conseguenza i residenti nelle regioni dall’Emilia Romagna in giù dovranno richiedere il visto al consolato di Roma, mentre i residenti nelle regioni del nord dovranno richiedere il visto a Milano.
  • a Milano le richieste di visto devono essere presentare direttamente dagli interessati.

Scegli il tipo di visto:  Affari | Turismo 

Visto Eritrea per affari

Per ottenere un visto d’affari per l’Eritrea occorre presentare la seguente documentazione:

  1. passaporto: la validità minima richiesta è di 6 mesi
  2. fotocopia della carta d’identità
  3. n. 1 foto tessera: dimensioni richieste cm 3×4 su sfondo bianco
  4. modulo consolare: compilato in ogni sua parte. Scarica modulo Eritrea
  5. lettera di richiesta della società italiana. Scarica modello lettera di richiesta

 

 Tempo di rilascio: 3 giorni lavorativi minimo (variabili in base all’arrivo dell’autorizzazione in consolato)

Procedure d’urgenza: non previste 

^ torna su ^

Visto Eritrea per turismo

Per ottenere un visto turistico per l’Eritrea occorre presentare la seguente documentazione:

  1. passaporto: la validità minima richiesta è di 6 mesi
  2. fotocopia della carta d’identità
  3. n. 1 foto tessera: dimensioni richieste cm 3×4 su sfondo bianco
  4. modulo consolare: compilato in ogni sua parte. Scarica modulo Eritrea
  5. lettera dell’agenzia con operativo dei voli

 

 Tempo di rilascio: 3 giorni lavorativi minimo (variabili in base all’arrivo dell’autorizzazione in consolato)

Procedure d’urgenza: non previste 

^ torna su ^

Le informazioni sopra riportate sono soggette a cambiamenti anche repentini.

La Gaia sas non si riterrà responsabile per ritardi o disguidi non dipendenti dalla sua volontà causati da spedizionieri, pony express, uffici e consolati (es: ritardi nelle consegne,  chiusure improvvise delle rappresentanze diplomatiche, errori nell’emissione dei visti, etc.)